AGAE

Elenco soci 2017

 

 

 

 

 

facebook pic


ASSEMBLEA ordinaria dei soci

si terrà, in prima convocazione il giorno 20 novembre alle ore 06.30 preso la sede in via G.P. Orsini, 44 a Firenze e in seconda convocazione 

il giorno 20 novembre alle ore 14.30 
sempre presso la sede di via G. P. Orsini 44 a Firenze con il seguente ordine del giorno:

1) Lettura e approvazione del verbale precedente 
2) Relazione del Presidente sulle attività svolte e su quelle in programma
3) La giornata della Guida Ambientale per il 2018
4) Tariffe professionali consigliate da Agae
5) Gruppi di lavoro e proposte per nuovi corsi di aggiornamento/formazione
6) Polizze assicurative per il 2018
7) varie ed eventuali

Il programma della giornata prevede il ritrovo presso la sede alle ore 9.30 per un URBAN TREK sulle colline prospicienti il piazzale Michelangelo e giardini limitrofi, rientro sul lungarno Ferrucci alle ore 12.30 per il pranzo presso la storica e ultra centenaria Società Sportiva di nuoto Rari Nantes Florentia al costo di 5.00 euro per persona ( il resto  a carico di Agae)
 
La sede dell’associazione è raggiungibile dalla stazione di Firenze S.M. Novella
- bus Ataf 23A oppure 23B fermata RIPOLI a 230 metri a piedi dalla sede
- autostrada A1 uscita Firenze Sud, uscita dal viadotto Viale Europa
- con bike sharing, possibilità di noleggio bici cinesi scaricando l’applicazione Mobike, costo 0,50 €. per 30 minuti, occorrono  20 minuti dalla stazione S.M. Novella.

Per poter organizzare meglio l’escursione e il pranzo vi chiediamo di comunicarci la vostra presenza compilando la scheda che si trova a questo link:

ISCRIZIONI

linea

In seguito agli ultimi episodi di violenza nei confronti dei lupi
il consiglio di A.g.a.e. condanna con forza "l'esecuzione " di Radicofani della settimana scorsa.

L'uccisione casuale come sappiamo non risolve il problema delle predazioni
ma crea forti squilibri all'interno del branco portando ad un aumento di predazioni
verso animali domestici più attacabili rispetto a quelli selvatici.

Il lupo è un animale protetto e tutelato dalla direttiva Habitat perchè considerato a rischio di estinzione.
Il conflitto con le attività zootecniche non risolve certamente con gli abbattimenti
ma con la prevenzione.

Ci auguriamo che questi episodi non abbiano più ad accadere.


linea

Costo €. 20,00 per persona comprensivo del fast lunch
da versare sul cc iban
IT25 B076 0102 8000 0004 8707 434
scrizione obbligatoria :

iscriviti

linea

Isola di Gorgona
16 giugno 2017
Giornata di formazione per Guide a.g.a.e
e sentenza del Tar della Toscana

Quale occasione migliore ci poteva essere che fare il primo corso di formazione organizzato da Agae
se non il giorno dopo la sentaza del Tar che ha sospeso cautelativamente
le delibere 53/2016 e la 14/2017 del Parco Nazionale dell'Arcipelago Tosacano?

Inoltre il Tar della Toscana ha condannato ( leggi la sentanza...)
il Parco dell'Arcipelago Toscano
al pagamento ad .Ag.a.e. di 1.500,00 euro
che vanno sommati agli altri 4.000,00 che gà deve pagare per l'altro ricorso.

L'udienza definitiva è fissata per ottobre 2018 e questo vuol dire che per questa stagione e la prossima le
Guide ambientali potranno accompaganre propri gruppi in visita alle isole di Gorgona, Pianosa e Giannutri
senza i vincoli che il Parco voleva imporre non rispettando i pricipi comunitari in materia di prestazione dei servizi.

gorgona gorgona gorgonagorgona gorgona

qui... trovate le foto di Angiolo e Mariella

linea

 

Isola di Gorgona
16 giugno 2017
Giornata di formazione per Guide a.g.a.e

Con il patrocinio del

comune Livorno   e della    

 

programma e modulo di iscrizione

linea

La sentenza del Tar della Toscana del del 22.03.2017
e pubblicata il 31.03.2017
ha CONDANNATO
il Parco dell'Arcipelago Toscano
al pagamento di 4.000,00 euro
più gli altri oneri di legge riconoscendo la fondatezza
del ricorso di A.G.A.E.
contro i motivi aggiunti della delibera 53/2016.

leggi la sentenza del Tar della Toscana

linea

Giornata della GAE

Enorme successo della "Giornata della Guida"
tantissime le iniziatie e grande partecipazione.
Ci vediamo l'anno prossimo,
appuntamento al 25 marzo 2018

linea

Elezioni del consiglio direttivo
2017

risultati delle elezioni 2017

Elezioni del consiglio direttivo

CANDIDATI

linea

ANALISI DELLA VICENDA "BANDO PER GUIDE PARCO E DELIBERA DI FRUIZIONE
DELLE ISOLE MINORI DELL'ARCIPELAGO TOSCANO"

1. febbraio 2016 – Il PNAT emette un Bando per formare 50 GP, dichiarando di voler selezionare il top della qualità tra le guide, ma di fatto ammettendo al corso anche persone non abilitate secondo L.R.42-2000. Questa scelta è dettata dal fatto che il PNAT non può escludere da un bando nazionale le Guide che nelle regioni non normate lavorano ai sensi della 4-2013. D'altro canto in questo modo crea i presupposti per una grande complicazione della situazione generale…
2. AGAE impugna il Bando prevedendo che esso sia l'anticipo di una manovra che escluderà dalla fruizione delle isole minori le GAE che non siano GP
3. AIGAE si costituisce a fianco del PNAT di fatto accusando AGAE di "fare il processo alle intenzioni" oltre che di insistere sul protezionismo implicito nella 42-2000.
4. Il TAR sancisce che dal Bando non si evince la volontà di limitare la fruizione delle isole minori e quindi non lo annulla, ma ribadisce che il PNAT NON potrà favorire le GP nell'attività sul territorio
5. 23 dicembre 2016 – il PNAT emette la delibera 53-2016 con la quale esclude dalla fruizione delle isole minori tutte le guide, toscane abilitate 42-2000 o laziali attivate L 4-2013 e limita anche l'attività delle GP, sia abilitate che non, ai soli incarichi da lui stesso affidati. Il PNAT ha addirittura superato le peggiori previsioni di limitare la libera fruizione del territorio… (crf mail Studio Righi del 30 gennaio 2017 ore 10.48: "(…) infatti, quello che per il TAR non faceva il bando, ossia limitare gli accessi alle sole Guide Parco, l'ha fatto il Parco stesso con la delibera con ciò superando le argomentazioni pro concorrenziali dell'Ordinanza n. 436/2016.(…)")
6. 10 febbraio 2017 – AIGAE invia le proprie Rimostranze contro la delibera 53-2016, citando pro suo la sentenza del TAR emessa in seguito al Ricorso AGAE contro il Bando
7. 16 febbraio 2017 – 34 GP consegnano al protocollo del PNAT una lettera in cui contestano in toto la Delibera
8. 17 febbraio 2017 – il PNAT pubblica la nuova Graduatoria "di Merito" delle 57 GP attivate, privilegiando tra queste quelle che hanno lavorato di più come liberi professionisti nel 2016
9. 18 febbraio 2017 – altre (o le stesse?) 34 guide consegnano al PNAT una lettera scaturita dal sondaggio doodle
10. 21 febbraio 2017 – AGAE deposita il ricorso d'impugnazione della Delibera
11. 23 febbraio 2017
- mattina: NOTIFICA AL PNAT DEL RICORSO PER IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA
- Pomeriggio: AIGAE incontra Sammuri che comunica di voler annullare la delibera 53
12. 24 febbraio – Il consiglio direttivo ribadisce la revoca della delibera e annuncia la nuova delibera con tutte le modifiche alla fruizione
13. 27 febbraio 2017 – AIGAE canta vittoria e getta discredito senza nemmeno attendere la pubblicazione della Delibera

POST PUBBLICATO SU SITO AIGAE:

Importante risultato di AIGAE:
revocate le delibere del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano
A seguito dell'incontro della Coordinatrice AIGAE Toscana Francesca Anselmi con il presidente del Parco Nazionale Arcipelago Toscano, sono state annullate le delibere di limitazione che riguardavano in particolare la fruzione delle Isole di Pianosa e Giannutri.
Delibere su cui avevamo espresso ferma contrarietà (leggi qui) pur mantenendo aperto il dialogo per riuscire a farle modificare.
Venerdì 24 febbraio il CD del Parco ha deliberato quanto segue:
1) revoca delle delibere 53/2016 e 6/2017 ed elaborazione nuova delibera in data odierna;
2) consentire la libera fruizione di Giannutri e Pianosa a tutti i soggetti che operano come Guida Ambientale Escursionistica ai sensi della L.4/2013;
3) viene specificato che "guida parco" è solo un titolo ed è necessario solo per gli incarichi dei servizi PNAT;
4) il termine di prenotazione dei gruppi esterni è passato da una settimana a due giorni precedenti;
5) i gruppi scolastici non sono soggetti al contingentamento gruppi;
6) tolto l'onere di accreditamento di 50 €;
7) per Gorgona i servizi PNAT sono riservati solo una volta a settimana, il sabato.

Un importante risultato che permette a tutte le guide, anche quelle non iscritte alla nostra associazione, di lavorare in serenità. Ottenuto senza la necessità di ricorsi sbagliati e inutili, senza strillare e soprattutto mantenendo la coerenza tra le dichiarazioni dei rappresentanti di AIGAE e le loro azioni.
Grazie anche alla disponibilità al dialogo del Presidente del Parco Giampiero Sammuri.
Copyright © 2016 AIGAE

14. 28 febbraio 2017 – pubblicata la delibera 9-2017 x Giannutri ticket
15. 1 marzo 2017 – pubblicata la delibera 14-2017 x fruizione Giannutri, Pianosa, Gorgona
16. 2 marzo 2017 – sparisce dal sito di AIGAE la frasetta del loro comunicato che ho sopra evidenziato in grassetto
17. 2 marzo 2017 – Pubblicate sul sito istituzionale PNAT le nuove modalità di fruizione per Giannutri e mentre Amorosi invia la lettera di chiarimenti del Sammuri alle GP: per Giannutri si ribadisce la possibilità per le GAE di accompagnare SOLO nel corridoio a libero accesso, oltretutto dovendosi accreditare due giorni prima, mentre negli itinerari naturalistici in area 1 possono accompagnare SOLO le GP e solo nel corso degli incarichi loro conferiti dal PNAT: come dire che nel corridoio a libero accesso, dove chiunque può andare senza alcuna richiesta di permesso e senza guida, le GAE devono invece annunciarsi 2gg prima (!!!)
A richiesta telefonica di Gianluca Soldateschi, Sammuri ha riferito che questa limitazione territoriale non c'è più ed è stata pubblicata e inviata alle GP per un refuso (copia e incolla errato. Ovviamente ci crederemo solo se alle comunicazioni telefoniche personali del presidente farà davvero seguito l'ennesima marcia indietro ufficiale per iscritto (rif punto 17))


Questo il "DIARIO" DEGLI EVENTI.
Puntualizziamo qui di seguito alcune considerazione, anche se non occorrerebbe aggiungere nient'altro per capire che:
· Il PNAT NON è stato "amichevolmente convinto" da AIGAE a revocare la Delibera, bensì ha fatto marcia indietro di fronte al Ricorso AGAE che gli notificava di essere "fuorilegge" e di aver ampiamente superato le più pessimistiche previsioni del Ricorso contro il Bando fatto da AGAE nella primavera 2016.
· Lo sport preferito da AIGAE non è il trekking ma la diffamazione contro AGAE
· Il PNAT invece di farsi delle "Guide Parco con bollino di qualità" dovrebbe farsi dei "Segretari competenti" per la pubblicazione dei contenuti del sito e le comunicazioni ufficiali
· AGAE non raccoglie le provocazioni (vedi testo evidenziato in grassetto, punto 17)) non perché gli sfuggano, ma solo perché può permettersi di affidarsi ai fatti anziché al "fumo negli occhi" cui è invece costretta AIGAE (… noi ci basiamo su una legge, loro cavalcano la 4-2013, fanno marketing e vendono corsi)

Se già c'era confusione sulle competenze della 4-2013 vs 42-2000, il PNAT è riuscito a superare ogni limite istituendo le GP :
- Le GAE toscane abilitate 42-2000 possono vantare come bollino di qualità l'eventuale titolo di GP (se hanno frequentato il corso PNAT)
- Le GAE laziali (residenti in Lazio) possono lavorare ai sensi della 4-2013 anche in Toscana e nel territorio del PNAT
- Le GP toscane non abilitate 42-2000 possono lavorare SOLO nei territori del PNAT e SOLO su incarichi del PNAT ma NON possono lavorare come GAE con propri gruppi neanche nel territorio del PNAT in quanto residenti in Toscana e non abilitati 42-2000 : paradossalmente se fossero residenti in Lazio potrebbero farlo!)

Nota bene:
per gli sfortunati che hanno ottenuto il bollino di qualità GP senza essere abilitati in Toscana: la possibilità di essere soci di una associazione di categoria non abilita le GP toscane non abilitate 42-2000 alla professione di guida ambientale. Se si è in questa posizione e si trova un'assicurazione valida privata si potrà comunque lavorare per il PNAT senza problemi dal punto di vista delle tutele legali. Resta il fatto che non si può aprire partita iva come Guida né si può fare la SCIA, per la quale nei Comuni toscani è richiesta l'abilitazione 42-2000 e questo non possiamo renderlo possibile come associazioni di categoria. Non potendo fare la SCIA NON si può lavorare con propri gruppi neanche nei territori del PNAT e neanche se dotati di una propria polizza assicurativa privata.
Questa brutta situazione è stata creata dal PNAT a causa del paradosso in cui la situazione legislativa italiana l'ha gettato e che forse il Presidente sottovaluta essendo rimbeccato da associazioni laziali che "tirano acqua al proprio mulino": un parco nazionale non può fare un corso aperto solo alle guide toscane e quindi lo ha fatto per tutti, intendendo farlo per le GAE 4-2013.
Il problema è che con la leggerezza che caratterizza tutti gli enti pubblici, il PNAT ha sottovalutato le conseguenze sulla pelle delle persone che quel corso avrebbero fatto, illudendo anche chi non era né guida toscana né laziale di offrirgli un'opportunità di lavoro, prima formandole e dopo dicendo che non le avrebbero potute far lavorare se prive delle necessarie posizioni fiscali. E se non può farle lavorare il PNAT, figuriamoci se possono lavorare per conto proprio! E' lo stesso MISE (sempre millantato da AIGAE ma in maniera fuorviante, a scopo autocelebrativo) a decretare la posizione corretta che anche il PNAT avrebbe dovuto tenere:

Da: Emilio Rossillo Ministero Sviluppo Economico
Inviato: giovedì 23 ottobre 2014 15:09
A: AGAE
Oggetto: Quesiti
(…) Nelle regioni di cui sopra (Toscana ad esempio) è comunque necessario soddisfare i requisiti previsti dalla legge regionale, mentre nelle altre regioni l'attività è libera.
(…) se una legge regionale è vigente bisogna applicarla fino a diversa pronuncia della Corte Costituzionale. (…)
dr. Emilio Rossillo
Dirigente Div. XVII (Qualità dei prodotti e dei servizi)
D.G. Mercato, Concorrenza, Consumatore, Vigilanza e Normativa Tecnica, Ministero Sviluppo Economico

Invece il PNAT ha voluto dare un bollino di qualità "per guide" a chi "guida" non avrebbe potuto esserlo in base alle leggi vigenti!

Nota bene 2:
La recente impugnazione della L.R. 86-2016 (modificazione della 42-2000) presso la Corte Costituzionale non riguarda le professioni del Turismo bensì la norma privatistica sulle locazioni Turistiche

Il parere della Regione Toscana dell'Ufficio legale della Regione Toscana (avv.Frontini) potrà essere scaricato QUI...

il parere integrale del dr. Emilio Rossillo
Dirigente Div. XVII (Qualità dei prodotti e dei servizi)
D.G. Mercato, Concorrenza, Consumatore, Vigilanza e Normativa Tecnica, Ministero Sviluppo Economico
:

Da: Emilio Rossillo, Ministero Sviluppo Economico
Inviato: giovedì 23 ottobre 2014 15:09
A: AGAE
Oggetto: Quesiti


Gentile presidente, rispondo punto per punto.
Innanzi tutto non corrisponde al vero che "Aigae ha ottenuto il riconoscimento del profilo professionale di Guida ambientale escursionistica dal MISE": l'associazione in questione è solo stata inserita nell'elenco delle associazioni professionali che rappresentano le professioni non organizzate in ordini o collegi, che sostanzialmente sono attività libere e non regolamentate.
Peraltro tale inserimento, dopo lunghe discussioni, è stato accordato solo a patto che, nelle regioni (come la Toscana) ove una legge regionale prevedesse una particolare abilitazione o altro titolo del genere per esercitare tale attività (o attività similari denominate in vario modo), i requisiti di accesso all'associazione fossero comprensivi di quelli previsti dalla legge regionale vigente in quel territorio. In caso contrario, si sarebbe creato un conflitto fra l'inserimento stesso, che è collegato all'assenza di regolamentazione per la professione di riferimento dell'associazione, e le leggi regionali vigenti, pur se di dubbia legittimità costituzionale, in circa la metà del territorio nazionale.
Per quanto sopra esposto, alla domanda,

ma chi NON è socio AIGAE può definirsi Guida Ambientale escursionistica? Per esempio chi ha sostenuto l'esame abilitativo in Toscana oppure chi non ha sostenuto alcun esame a causa di un vuoto legislativo regionale, ma esercita di fatto la professione da tempo, può definirsi tale?

La risposta è: Sì, non è necessario appartenere all'AIGAE per definirsi guida ambientale escursionistica, ma nelle regioni di cui sopra (Toscana ad esempio) è comunque necessario soddisfare i requisiti previsti dalla legge regionale, mentre nelle altre regioni l'attività è libera. Tra l'altro, non parlerei di "vuoto legislativo regionale", in quanto, come si è accennato prima, è dubbia la legittimità costituzionale di leggi regionali che regolamentino una professione in una sola regione, dato che la materia delle professioni, ai sensi dell'art.117 della Costituzione, è a potestà legislativa concorrente e le regioni possono legiferare solo dopo che sia stata emanata una legge statale sull'argomento. Tuttavia, se una legge regionale è vigente bisogna applicarla fino a diversa pronuncia della Corte Costituzionale.
Rispondo successivamente alle altre domande, evidenziate

Possono altre associazioni di categoria allo stesso profilo professionale? In caso affermativo, che requisiti devono avere?

Il testo della domanda non è completo, comunque possono esistere altre associazioni relative alla stessa attività professionale (non userei il termine "profilo") e per essere ammesse nell'elenco devono solo rispettare,a parte le premesse sopra descritte, i requisiti previsti dalla legge 4/2013, sulla quale si allega il collegamento alla specifica sezione del sito ministeriale.

Come avviene il controllo che le associazioni di categoria si attengano ad un disciplinare in grado d garantire dei requisiti minimi associativi professionali?

Come si può evincere dalla legge e dal collegamento sopra citato, ogni associazione si regola nel modo che ritiene più opportuno, purchè tutto sia reso noto attraverso il sito web dell'associazione e gli aspetti essenziali siano pubblicati su una scheda consultabile sul sito di questo Ministero.

AIGAE non sarebbe in conflitto d'interesse qualora organizzasse o patrocinasse corsi di formazione professionale a pagamento per accedere all'associazione?

In effetti buona parte delle associazioni organizza corsi che considera necessari per l'iscrizione all'associazione: del resto la formazione permanente dei propri iscritti è uno dei compiti delle associazioni. Resta il fatto che, come sopra chiarito, l'adesione dall'associazione non ha alcun effetto pubblicistico, a differenza dell'esame da Lei sostenuto secondo la legge regionale toscana e del patentino rilasciato dall'ente regionale. L'associazione può solo, ai sensi degli artt.4, 7 e 8 della legge 472013, autorizzare i propri associati ad utilizzare il riferimento all'iscrizione all'associazione quale "marchio o attestato di qualità e di qualificazione professionale dei propri ser­vizi", ma ciò ha soltanto la funzione di qualificare sul mercato i servizi prestati sui propri iscritti, secondo criteri di libera concorrenza
Ritenendo di avere soddisfatto le Sue legittime curiosità, La saluto cordialmente
dr. Emilio Rossillo
Dirigente Div. XVII (Qualità dei prodotti e dei servizi)
D.G. Mercato, Concorrenza, Consumatore, Vigilanza e Normativa Tecnica
Ministero Sviluppo Economico

2 marzo 2017

linea

Contro l'inaccettabile delibera del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano

Il Parco contravvenendo a qualsiasi libera concorrenza delle offerte turistiche ha deliberato che:
- dal 15 giugno al 15 settembre NON sarà possibile accompagnare gruppi o singoli in escursioni all'Isola di Pianosa a meno di non essere nell'elenco delle Guide Parco
- dal 15 marzo al 15 giugno e dal 15 settembre al 15 ottobre le guide potranno accompagnare all'interno dell'Isola di Pianosa i propri clienti e previo il pagamento di una gabella di 50,00 euro ( dopo varie proteste una nuova delibera stabilsce la quota annua e non per ogni visita ) previo accreditamento e su un percorso che verrà indicato dall'Ente
- dal 15 ottobre al 15 marzo, periodo di bassa stagione e quando non è garantito nessun collegamento con l'Isola di Pianosa invece l'accesso alle guide sarà libero
- che dal 15 marzo al 15 ottobre il Parco si trasformerà in bottegaio e venderà i servizi turisti all'interno dell'Isola a prezzi più bassi di quanto è il costo della giornata guida di fatto sottopagando le guide alle quali verranno affidati i servizi, lo stesso vale per l'Isola di Giannutri

Tutto ciò senza consultareo confrontarsi con le categorie professionali né d'intesa ( L6.12.1991 n.395) con la Regione Toscana che a questo proposito ha dichiarato:

... A quanto risulta a questo ufficio, la Regione non ha rilasciato alcuna intesa all'Ente parco finalizzata all'organizzazione del corso di qualificazione professionale di cui sopra;
- alla luce dei principi e delle norme comunitarie in materia di libera prestazione dei servizi e di riconoscimento delle qualifiche professionali, appare ineludibile un'interpretazione in senso evolutivo del termine "esclusivo" contenuto nella norma de quo, che non può non tener conto della disciplina legislativa della professione di guida ambientale, di cui agli art.122 e segg. della l.r. 86/2016 "Testo unico del sistema turistico regionale"; si consideri altresì che, in un contesto di disciplina professionale del tutto analogo, ovvero quello di guida turistica, le disposizioni normative che lo Stato ha adottato prevedono che l'accesso esclusivo a determinati "siti" (quelli di particolare interesse storico, artistico o archeologico) sia riservato alle cd. guide turistiche specialistiche, il cui profilo professionale presuppone in primis l'essere guide turistiche, e solo conseguentemente l'acquisizione della specializzazione (in base ad esami, titoli e percorsi formativi).


f.to funzionario legislativo-legale
Direzione Attività produttive
Regione Toscana - Giunta regionale

A.G.A.E. si è opposta con un ricorso al Tar contro l'istituzione della figura di Guida esclusiva del Parco paventando che questo precludesse poi il libero accesso alle isole.
Contro il ricorso da noi fatto si è schierata l'Associazione Aigae che in più occasioni non ha mancato di diffamare la nostra associazione.

Dopo la delibera del Parco del 23.12.2017 Agae si è mossa i per opporsi al DIVIETO DI LIBERO ACCESSO PER LE GUIDE GAE LR 86/2016 (ex 42/200) di accedere alle isole di Pianosa e Giannutri promuovendo una opposizione che ci vede ancora una volta ricorrere al Tar della Toscana..
Finalmente anche i bravi colleghi di Aigae si sono accorti dell'assurdità della delibera ed hanno finalmente pubblicato anche loro un bel comunicato che sostien di fatto e le nostre tesi.

Basta con la gestione clientelare del territorio e senza la condivisione di chi ci lavora e porta turisti.

linea

La Giornata della Guida
domenica 26 marzo 2017

La giornata della guida

presentazione | modulo di adesione

Escursioni in programma

Assemblea elettiva 7 marzo 2017

Programma e istruzioniper partecipare
all'assemblea e
all'escursione del 6 marzo 2017
leggi tutto...

CANDIDATI

ISCRIZIONI per l'anno 2017
polizze e modalità

 

ASSEMBLEA ORDINARIA

LUNEDI’ 21 NOVEMBRE

TEATRO COMUNALE di LAIATICO (PI)

programma

 

ASSEMBLEA ORDINARIA
Lunedì 7 Marzo 2016
al Centro di Educazione Ambientale "Il Girasole" in loc. Rispescia (Gr)

assemblea rispescia

Ottima accoglienza, grazie a Lega Ambiente e a Nunzio D'Apolito

 

Seminario di aggiornamento La rete dei Cammini culturali di pellegrinaggio:
aggiornamento e prospettive di sviluppo per la guida ambientale

Abbadia Isola – Monteriggioni ore 10:00
Giovedì 25 Febbraio 2016

convegno

convegno

convegno

PROGRAMMA vedi il programma

8 febbraio 2016
Conferenza stampa in consiglio Regionale con il Presidente Eugenio Giani
sul bando per le cosiddette guide esclusive del Parco dell'Arcipelago Toscano.

Il punto in sala Barile di Palazzo Panciatichi, con il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, per ribadire che "la legge regionale non è un optional"

Firenze –Il punto sui requisiti di ammissione richiesti dal Parco dell’Arcipelago toscano per la formazione di guide Parco, e le normative della Regione Toscana sulle guide ambientali. Questo il filo rosso della conferenza stampa, che si è svolta oggi, lunedì 8 febbraio, in sala Barile di Palazzo Panciatichi (via Cavour, 4 - Firenze).

Ad aprire l’incontro il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, che ha difeso il ruolo della Regione: “la legge regionale non è un optional; da venti anni la guida ambientale è disciplinata da legge regionale e su questo non si può assolutamente transigere”.

Da qui “il caso di scuola del bando del Parco dell’Elba”, come lo ha definito il presidente, per sottolineare la necessità, anche per le guide Parco, di attenersi alla normativa regionale e non a leggi nazionali. “
Ci sono circa 3mila guide ambientali che accompagnano alla scoperta del patrimonio naturalistico della nostra Toscana e siamo chiamati a difendere questo sistema – ha sottolineato – Come presidente investirò di tale questione il Collegio di Garanzia Statutaria e difenderò il rispetto delle norme del nostro ordinamento, perché è necessario dare subito lo stop”, ha concluso Giani, dando la parola ad Alberto Calamai, guida ambientale europea e ad Alice Colli, presidente dell’Associazione guide ambientali toscane.
Entrambi si sono soffermati sulla figura di guida ambientale, regolata da legge regionale, atto che il parco non avrebbe dovuto ignorare nella compilazione del bando: “Le Guide ambientali sono professionisti oramai riconosciuti, che operano da anni e con competenza, accompagnando gruppi e singoli in escursioni in ambienti naturali – hanno spiegato - .
Le Guide ambientali ritengono fondamentale essere informate e formate da chi gestisce i Parchi, nazionali o regionali, o le aree protette, e invitano non solo il Parco dell’Arcipelago ma tutti gli enti citati a indire seminari di formazione periodici per le Guide che desiderino recarsi, per lavoro, nel Parco, piuttosto che effettuare una-tantum selezioni per la formazione di Guide Parco”

Regione Toscana


linea

L' ASSEMBLEA ORDINARIA
Lunedì 7 Marzo 2016
al Centro di Educazione Ambientale "Il Girasole" in loc. Rispescia (Gr)

Programma
ore 9,30: incontro ad Alberese, presso il centro visite del Parco della Maremma
ore 10,00: inizio itinerario Le Grotte - A3 (ristrutturato e rinnovato, durata 3 ore) A3 Le Grotte - Parco Maremma
ore 13,00/13,30: pausa pranzo, presso il ristorante de Il Girasole (a pochi km dal Parco).
ore 14,00/14,30: inizio assemblea,(in 2.a convocazione, la 1.a era alle ore 06,30 stesso luogo) presso Il laboratorio di educazione ambientale de Il Girasole. Con un Ordine del giorno provvisorio: C'ho messo le cose più generiche possibili da mutare o sopprimere a volontà.

1. Approvazione del Verbale Assemblea precedente Massaciuccoli;
2. Approvazione della rendicontazione dei conti per l'anno 2015;
3. Relazione sull'attività svolta e sugli incontri istituzionali avvenuti;
4. Problematiche attuali delle GAE: Referendum istituzionale
5. Situazione Parchi. Bandi e reagiva opposizione da parte di AGAT
6. Relazioni circa i corsi AGAT svolti.
7. Corsi di aggiornamento in programma:
8. Partecipazione a mostre, congressi, fiere
9. Sede Sociale AGAT
10. Varie ed eventuali

ATTENZIONE: la pausa pranzo si terrà presso la stessa struttura ospitante con menù convenzionato (da comunicare) per i soci in regola con la quota, in parte offerto dall'associazione e sostenuto da un contributo di 5 € del socio, per tutti gli altri al costo di 12 € (da confermare)

 

new Comunicato di Agae sul
bando per la selezione delle cosiddette
Guide del Parco dell'Arcipelago Toscano.

Lunedì 8 febbraio ore 12.00
Conferenza stampa
Presidenza del Consiglio Regionale della Toscana
Via Cavour, 4 - Firenze

Agae (già Agat) e Confesercenti esprimono perplessità relativamente ai requisiti di ammissione richiesti dal Parco dell’Arcipelago Toscano per la formazione di Guide Parco, requisiti che non tengono conto delle normative della Regione Toscana.

In Toscana esiste già la figura di Guida ambientale regolata dalla LR 42/2000 che è tuttora legittima e che il Parco non avrebbe dovuto ignorare nella compilazione del bando, come indicato nella stessa L. 394.

Le Guide ambientali sono professionisti oramai riconosciuti che operano da anni e con competenza accompagnando gruppi e singoli in escursioni in ambienti naturali.

Le Guide ambientali ritengono fondamentale essere informate e formate da chi gestisce i Parchi, nazionali o regionali, o le aree protette (sia S.I.C. Siti di Importanza Comunitaria, , Z.S.C. Zone Speciali di Conservazione o Z.P.S. Zone di Protezione Speciale ) e invitano non solo il Parco dell’Arcipelago ma tutti gli enti suddetti a indire seminari di formazione periodici per le Guide che desiderino recarsi, per lavoro, nel Parco piuttosto che effettuare una-tantum selezioni per la formazione di Guide Parco.

Le guide Agae e Confesercenti sottolineano inoltre che sembrano improprie e deleterie per la stessa finalità del bando  le scelte di svolgere il corso nella Regione Lazio, dove peraltro non esiste la figura della Guida Ambientale,  questa scelta appare quantomeno decontestualizzata visto che la selezione è per diventare Guide  Parco dell’Arcipelago Toscano.

 Nei mesi  marzo – aprile,  il periodo in cui si svolge la maggior parte di lavoro della guida, che per la sua peculiarità è stagionale i professionisti che più lavorano e che hanno più esperienza nel territorio del Parco e a cui il bando di selezione punta, già da adesso hanno contrattualizzato impegni con Istituti scolastici, Agenzie di Viaggi e Gruppi organizzati per il suddetto periodo e sono tenuti a rispettarli, rinunciando così al Bando, proprio per quella deontologia professionale cui il bando stesso tende.
Di conseguenza presumibilmente mancheranno alla selezione proprio le figure con più requisiti e più titolate.
Nonostante gli incontri avvenuti fra i rappresentanti di AGAT e Confesercenti con i dirigenti del Parco, nel corso dei quali sono state rappresentate le nostre obiezioni, gli stessi sembrano decisi a proseguire nella loro azione.

E’ evidente che in questo caso impugneremo il bando. A questo proposito abbiamo già conferito apposito incarico allo studio Morbidelli, Berti, Righi, Traina.

Comunicato di Agat riguardo alla pubblicazione del bando per la selezione di
Guide del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano.

Rileviamo che dopo 14 anni dall’ultima selezione il Parco si sveglia e in tutta fretta, ignorando completamente le organizzazioni di rappresentanza, indice il corso nei mesi marzo –aprile 2016, ovvero nel periodo di maggior impegno lavorativo per tutte le guide e in modo particolare per quelle attive all’interno del Parco.

La scelta poi di svolgere il corso di formazione nel Parco nazionale del Circeo, Regione Lazio, dove non esiste neanche la figura della Guida ambientale, appare piuttosto bizzarra.

Tra i criteri di valutazione dei titoli ne compaiono alcuni quantomeno discutibili e discrezionali, come l’attribuzione (punto 25 dei titoli valutabili) di punteggio supplementare agli appartenenti ad associazioni a carattere privatistico, la residenza in un comune del Parco ( punto 47) oppure “altre esperienze” non meglio specificate (punto 48)

Invieremo un comunicato stampa agli organi di informazione preparandoci a ricorrere al difensore civico.

linea

Comune di Bagno a Ripoli - Corso di informazione sul territorio

Riceviamo segnalazione di un corso sul territorio del comune di Bagno a Ripoli che può interessare

alle guide che operano nel territorio.

Il corso, in collaborazione con il sistema museale Chianti Valdarno  si rivolge a guide ambientali e

turistiche e a giovani fino a 30 anni diplomati o laureati.

Questo il link dove potete trovare le informazioni complete:

http://www.coop21.it/formazione/cultura-spettacolo/scoprendo-bagno-a-ripoli/

Il corso è gratuito, ma a numero chiuso e le iscrizioni scadono il 4 febbraio


linea

QUOTE DI ISCRIZIONE 2016

Anche per l'anno 2016 sono confermate le quote di iscrizione dell'anno precedente:

Socio ordinario (CON Assicurazione RCT) € 50,00  (vedi polizza in "risorse")
Socio aggregato (SENZA Assicurazione RCT) € 25,00  (riservato a chi ha una propria polizza o è inattivo)

Ricordiamo inoltre che dal 2011 per i soci morosi (soci che hanno saltato qualche anno di iscrizione) NON sono previste penali per il ritorno in Associazione. 
La copertura dello scorso anno scade il 16 gennaio, quindi se volete continuità assicurativa dovete versare le quote quanto prima, in ogni caso non esistono penali o more per iscrizioni in ritardo.

Possono iscriversi in AGAT, con queste stesse condizioni tutte le Guide Ambientali italiane e/o europee e non solo quelle residenti in Toscana.
Chi ha acquisito titolo di  Guida Ambientale in base alla L.4/2013 (professioni non normate) contatta il tesseramento prima di attivare l'iscrizione.

COME ISCRIVERSI

1- Versa la quota associativa:
Con bollettino postale sul CCP n. 48707434, intestato AGAT, via del Porcellana, 50123 Firenze.
Con bonifico bancario sull'IBAN IT25 B076 0102 8000 0004 8707 434 presso Poste Italiane.
2- Invia la scheda/domanda di iscrizione compilata e firmata e la ricevuta del pagamento via mail a  tesseramento@agat.toscana.it

Dal momento in cui riceviamo la ricevuta di pagamento e la scheda di iscrizione, provvederemo ad attivare la polizza assicurativa. Entro pochi giorni riceverai conferma dell'avvenuta iscrizione all'indirizzo e-mail che ci hai comunicato. (Se non ricevi nessuna risposta mettiti in contatto con noi per verificare eventuali disguidi: non siete considerati soci e/o non avete attivato la copertura assicurativa se non inviate quanto sopra e non ricevete la risposta dal tesseramento).

Normative sulla Privacy. Segnare la casella NO all'autorizzazione al trattamento dei dati personali equivale a NON poter procedere con la tua iscrizione!

La Scheda di Iscrizione è disponibile in formato PDF scrivibile. Scarica il documento, riempilo dal PC, quindi stampalo e firmalo. Adesso puoi scansionarlo e inviarlo via e-mail con la ricevuta di pagamento.

 RINNOVI

Chi è già stato iscritto negli ultimi quattro anni, basta che invii la ricevuta di pagamento annotando CON SCRUPOLO tutte la variazioni indirizzo, cellulare, e mail. Questo serve per aggiornare i nostri archivi. Deve comunque ricevere per essere attivato la conferma da parte del Tesseramento di avvenuta iscrizione.

Se entro 10 giorni da quando hai inviato i documenti non ricevi risposta PREOCCUPATI e chiama il tesseramento al 347 196 52 92 oppure invia una mail.
ATTENZIONE: un unico versamento può contenere più quote di iscrizione, ma indicare precisamente a chi si riferiscono, stessa cosa per i versamenti effettuati da conti intestati a persone  diverse dalla guida che rinnova (o cointestati).
INFINE: Una tantum hai diritto a ricevere gratisuna etichetta cucitiva con il logo AGAT da applicare su zaino o abbigliamento. Dopo il primo gratuito puoi anche comprare altre etichette al costo di 5 Euro per una, 8 euro per due e 10 euro per tre. Se vuoi che ti vengano spedite devi concordare le spese di spedizione col tesseramento 347 196 52 92 oppure ritirare o far ritirare il materiale direttamente da Curzio CASOLI (via Pandolfini - Firenze).

Clean Power

Associazione Guide Ambientali Europee già A.G.A.T.
via G.P. Orsini, 44 - 50126 Firenze
Uffici Amministrativi - Via Pandolfini, 9 - 50122 Firenze
info@agat.toscana.it
Pec: info@pec.agae.it

realizzazione © a.calamai 2016

Agg.: 21-Nov-2017