Domande frequenti sulla professione di GAE
delimiter image

La Guida Ambientale è la figura professionale del comparto del Turismo che lavora in attività escursionistiche a stretta interazione con l’ambiente naturale. La figura è regolamentata dalle leggi regionali, in quanto il Turismo è materia ad ordinamento regionale. L’inquadramento legislativo è tuttavia concorde nell’indicare:

“E’ guida ambientale chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi assicurando loro la necessaria assistenza tecnica nella visita di ambienti naturali, anche antropizzati, e di musei eco ambientali, allo scopo di illustrarne gli elementi, le caratteristiche, i rapporti ecologici, il legame con la storia e le tradizioni culturali, le attrattive paesaggistiche; inoltre di fornire elementi di educazione ambientale. Sono esclusi i percorsi che richiedono comunque l’uso di attrezzature e tecniche alpinistiche.”

Per operare come figura professionale qualificata  si prevedono:

  • Il mantenimento della qualifica
  • La segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) al Comune di residenza 
  • La sottoscrizione di idonea polizza Responsabilità Civile (RC) con massimali indicati dalle Leggi regionali

 

E’ facoltà della Guida associarsi ad una delle Associazioni di Categoria.

La Guida Ambientale progetta, testa, svolge e conduce l’escursione di cui è titolare o si assume gli oneri della realizzazione dell’escursione per cui è incaricato.

Realizza sopralluoghi atti a verificare le possibilità escursionistiche di una determinata area.

Gestisce il gruppo di escursionisti durante lo svolgimento dell’uscita in ambiente con modalità e tempistiche che favoriscano la buona riuscita, la fruizione esperienziale, la comunicazione ambientale e l’osservanza delle buone norme di sicurezza.

Costituisce la figura fulcro per la buona sintonia tra i partecipanti ed anche tra il gruppo e gli ambienti attraversati.

In caso di emergenze è la figura che si incarica delle procedure per l’ allerta dei soccorsi e della gestione della sicurezza del gruppo.

La qualifica di Guida ambientale (nelle specializzazioni Escursionistica, Equestre, Subacquea) è rilasciata dalla Regione di appartenenza (sotto diversi appellativi) previa frequenza di un corso formativo riconosciuto e dopo aver sostenuto un esame con Commissione regionale. 

Il corso è di norma suddiviso in moduli didattici più una parte pratica di tirocinio, svolta in accostamento a Guide ambientali.

Al superamento dell’esame viene rilasciato un attestato di qualifica da parte delle Regioni che si sono dotate di una legge  per la professione turistica valido a livello europeo.

Per associarsi ad AGAE è obbligo possedere di diploma di scuola media superiore di secondo grado che dia accesso all’università, oltre ad uno tra i seguenti requisiti:
1. Attestato o tesserino di qualifica o specializzazione professionale riconosciuto da una Regione normata in merito alla figura professione di Guida Ambientale.
2. Possesso di abilitazione di Guida Alpina, o Accompagnatore di Media Montagna (L.6/89)
3. Qualifica di Guida Parco rilasciata da un Ente Parco Nazionale/Regionale (L. 394/91)
4. Esercizio, da almeno tre anni, dell’attività di Guida Ambientale (il CV dovrà essere valutato e approvato dal CTS)

e poi questa è la procedura:

Per chi è già socio ( cioè già iscritto per l’anno precedente) utilizzare il  pulsante Rinnovi 2023 
e compilare tutti i campi.

I nuovi soci devono prima fare l’iscrizione dalla pagina Iscriviti, successivamente verranno inviate le modalità per inserire la ricevuta dell’avvenuto pagamento.

Per qualsiasi chiarimento chiedere a segreteria@agae.it

NO e’ necessario essere Guida ambientale per poter svolgere la professione nelle Regioni normate.

E’ tuttavia possibile svolgere l’attività di accompagnamento da non titolati secondo la Legge 4/2013 . 

In questo caso occorre comunque attivare una polizza per la copertura della responsabilità civile a comunicare l’inizio dell’attività al proprio Comune di residenza tramite apposita.

Lo svolgimento della professione secondo la legge 4/2013 non è pertanto abilitante in nessun modo al titolo qualificato di Guida ambientale o equipollenti.

Come da leggi regionali di riferimento, nonchè da  Regolamento Europeo (CE) n. 1022/2009 del 29 ottobre 2009 (ISCO-08) la Guida ambientale  non ha limiti di operatività su vari assetti escursionistici e su diverse tipologie di  itinerari terrestri ed acquatici, eccezion fatta per quei percorsi che richiedano l’uso di attrezzature e tecniche alpinistiche.” (ambito delle Guide Alpine e/o Guide Canyoning)

Tipicamente ci si può rivolgere a Guide Ambientali per tutti i percorsi a piedi (Guide ambientali Escursionistiche).

La guida ambientale può essere specializzata in escursioni a cavallo e attività subacquee. 

Possono infine essere annoverate tra le specializzazioni  della Guida Ambientale le appartenenze a liste abilitanti come “Guida Parco” per Parchi Regionali e Nazionali.

Tra le altre attività escursionistiche condotte dalle Guide ambientali si possono menzionare anche le escursioni con le racchette da neve, in bicicletta, in raft, con il kayak e la canoa o trekking someggiato.

Il costo di una Guida Ambientale  è di norma calcolato per giornata, mezza giornata oppure per partecipante.

Generalmente il compenso lordo per un gruppo oscilla tra i 180,00 e i 250,00 euro al giorno Iva inclusa. 

Di norma non si includono nella tariffa i costi di trasporto, vitto e alloggio se necessari, eventuale attrezzatura a noleggio.

Alcune tariffe possono variare a seconda dell’attività specifica o  se la conduzione venisse effettuata in lingua straniera.

Il numero massimo di persone in gruppo per Guida può variare a discrezione della Guida stessa, dipendendo dalle caratteristiche dell’escursione e dalle difficoltà tecniche implicate per garantire la sicurezza degli accompagnati